Archive for ‘ora futura’

2012/04/28

Manifestazione Salvaciclisti a Roma

manifestazione salvaciclisti a roma

manifestazione salvaciclisti a Roma

Oggi a Roma ci sarà una grande manifestazione, veni-vidi-bici, partita da un’iniziativa del quotidiano Times. I ciclisti della città ringalluzziti dal rinnovato clima ecologista, naturalista, rigorista, salutista e tanti altri -ista che neanche Pillitteri, chiedono piste ciclabili, nessun ciclista morto, più ciclisti e meno auto, più sicurezza; il tutto condito da un’enorme performance artistica alle 16.30: un flash mob Tutti giù a terra con la bicicletta per ricordare la strage di ciclisti, ovvero le 2.500 persone uccise sulla strada in meno di dieci anni.

Sarà.

Io amo la bicicletta, amo oltremodo anche andare a piedi, ma questa manifestazione non la capisco.

E poi penso a lui.

Alfred Jarry si spostava su una Clément de luxe 96 del valore di 525 franchi che chiaramente non si era curato di pagare*. Una delle poche immagini che abbiamo di Jarry è appunto il ritratto in biciletta. Lui se ne sarebbe fregato, anzi fregiato per dirla alla Petrolini, della manifestazione. Jarry la strada se la sarebbe anarchicamente presa, fregiandosene delle conseguenze.

E poi per Jarry c’erano i Pedoni Investitori.

L’essere umano adulto ha poi imparato, benché con maggiore lentezza rispetto al suo compagno quadrupede, a lasciar passare il rapido veicolo. (…)L’essere umano in giovane età, il bambino, poiché bisogna chiamare le cose con il loro nome, si esercita al coraggio delle guerre future attraversando la strada, per bravata, davanti a cicli e automobili. Osserviamo che, seguendo l’esempio di certe popolazioni selvagge, che manifestano il loro valore mostrando il didietro al nemico, benché abitualmente non sia esercitata troppo vicino al nemico, il bambino si diverte a correre questo rischio soltanto quando il pericolo è ancora distante, cioè quando il veicolo non sopraggiunge troppo rapidamente.
L’incidente della Parigi-Berlino è accaduto logicamente, a causa dell’assurda idea di “neutralizzare” le città. È anzi un fatto straordinario che un solo bambino, e non diecimila persone che hanno raggiunto da tempo quella che si conviene di chiamare età della ragione, non abbiano sgambettato davanti ai corridori che avessero dato loro il tempo di farlo. Per altri versi, si osserverà che nessuna collisione si è prodotta sulla strada, percorsa alla velocità di circa cento chilometri all’ora.
Aggiungiamo, per giustificare il nostro titolo, che il pedone corre un rischio minore rispetto al ciclista o al guidatore: si espone a una semplice caduta dalla sua propria altezza e non alla proiezione da un veloce apparecchio, né alla rottura di questo stesso prezioso apparecchio.
Quindi, fino al giorno in cui la follia che consiste nel lasciar circolare la gente a piedi senza autorizzazione, targa, freno, campanello, tromba e fanale non sarà finita, dovremo sconfiggere questo pericolo pubblico: il pedone investitore.

(…)

Articolo primo

Il permesso di circolazione del pedone potrà essere richiesto esclusivamente dai minori: bambini, donne e uomini che non abbiano ancora svolto il servizio militare.
È noto che quest’ultimo sia stato istituito principalmente per inculcare nell’uomo i primi rudimenti dell’andare a piedi.

Articolo secondo

Il pedone che abbia l’età richiesta o sia munito di regolare autorizzazione, provvisto dei regolamentari apparecchi di segnalazione sarà preceduto, alla distanza di cinquanta passi, da un agente del Genio Civile, giurato, che agiterà una bandiera o un fanale rosso, e seguito, alla stessa distanza, da un agente di ronda che agiterà a sua volta freneticamente una bandiera o un fanale verde.

Articolo terzo

Il pedone in tenera età, per via del legittimo sospetto che sia propenso a velocità esagerate, sarà ammesso sulle strade, stanti le condizioni suddette, soltanto se tenuto al guinzaglio.

Articolo quarto

Una sola bandiera collettiva sarà sufficiente per i pedoni intruppati; tuttavia, poiché è necessario che la pubblica sicurezza non sia compromessa da una tolleranza tanto ampia, la truppa in questione dovrà essere preceduta da una musica rumorosa a sufficienza da essere udibile alla distanza di cinquecento metri: ciascun individuo, inoltre, dovrà essere munito di un segnalatore a detonazione.

…a voi le riflessioni.

_____________________

* a chi non sapesse nulla di A. Jarry e della bicicletta consiglio di leggere Ladro di biciclette di A. Castronuovo


Annunci
2012/04/16

Installazione – Aggiornamento minimo

installazione

E’ da molto che non scrivo, ma non per incuria.

Sono molto impegnata nel realizzare un’installazione.

Enorme? No, piccolissima.

Tipo 20 centesimi sul marciapiede vicino Piazza del Popolo.

2011/12/31

Buon…

Buon inizio dell’anno apparente 2012!

 

Tag:
2011/12/08

Aggiorniamoci

Non sono sparita, anzi.La pentola bolle, il sale sala e ci siamo quasi.A presto per altre novità.

Tag:
2011/10/08

Candela Verde – Patafisici Incontri – ieri al bar del vecchietto fumante

candela verde

2011/06/08

Il Proconsolo

Presto apparirà il Proconsolo.